Missione, una questione di stile

Audio omelia 15.07.2018

XV Domenica del tempo ordinario

Letture Am 7,12-15; Sal 84; Ef  1,3-14; Mc 6,7-13

In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche.
E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro».
Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

Condividi Post ...

Tatto

Audio omelia 1.07.2018

XIII Domenica del tempo ordinario

Letture Sap 1,13-15; 2, 23-24; Sal 29; 2Cor 8,7.9.13-15; Mc 5, 21-43

In quel tempo, essendo Gesù passato di nuovo in barca all’altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.

Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male.

E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi ha toccato le mie vesti?». I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: “Chi mi ha toccato?”». Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Ed egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male».

Stava ancora parlando, quando dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo.

Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.

Condividi Post ...

Santità popolare – Audio Omelia

Immagine tratta dal libro “Lezioni di volo” scritto ed illustrato da Pirkko Vainio.
Dalla quarta di copertina: “Vivere è un po’ come volare. Non è automatico: bisogna imparare a farlo”

 

Audio omelia 24.06.2018

Natività di San Giovanni Battista

Letture Is 49,1-6; Sal 138; At 13,22-26; Lc 1,57-66.80

Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.

Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».

Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante si aprirono la sua bocca e la sua lingua, e parlava benedicendo Dio.

Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.

Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.

Condividi Post ...

Sigismondi Gualtiero – “Accompagnare il camminare insieme”

Dal 18 al 20 giugno presso Casa San Girolamo a Spello gli Assistenti nazionali e regionali di AC hanno vissuto un tempo di fraternità e riflessione sul tema “Accompagnare il cammino insieme”.

“Il nostro ruolo di assistenti è quello di essere complici della sinodalità sapendo bene qual è il nostro posto. È una scuola di formazione permanente per noi e per i laici ed è una scuola di comunione con specializzazione in sinodalità” queste le parole con cui mons. Sigismondi  ha concluso la tre giorni facendo sintesi di quanto emerso dalle riflessioni condivise e aprendo nuove piste di lavoro per gli assistenti dell’associazione.

Audio della relazione di Mons. Sigismondi, Assistente generale di Ac.

Condividi Post ...

Fake news

Audio Omelia 10.06.2018

X Domenica del tempo ordinario

Letture Gen 3, 9-15; Sal 129; 2Cor 4,13-5,1; Mc 3, 20-35

In quel tempo, Gesù entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare. Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: «È fuori di sé».

Gli scribi, che erano scesi da Gerusalemme, dicevano: «Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del capo dei demòni».

Ma egli li chiamò e con parabole diceva loro: «Come può Satana scacciare Satana? Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non potrà restare in piedi; se una casa è divisa in se stessa, quella casa non potrà restare in piedi. Anche Satana, se si ribella contro se stesso ed è diviso, non può restare in piedi, ma è finito. Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega. Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa.

In verità io vi dico: tutto sarà perdonato ai figli degli uomini, i peccati e anche tutte le bestemmie che diranno; ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo non sarà perdonato in eterno: è reo di colpa eterna». Poiché dicevano: «È posseduto da uno spirito impuro».

Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo. Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano». Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».

Condividi Post ...

Un incontro di corpi

Audio Omelia 03.06.2018
X Domenica del tempo ordinario

Santissimo Corpo e Sangue di Cristo

Letture Es 24, 3-8; Sal 115; Eb 9, 11-15; Mc 14,12-16.22-26

Il primo giorno degli Àzzimi, quando si immolava la Pasqua, i discepoli dissero a Gesù: «Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?».

Allora mandò due dei suoi discepoli, dicendo loro: «Andate in città e vi verrà incontro un uomo con una brocca d’acqua; seguitelo. Là dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?”. Egli vi mostrerà al piano superiore una grande sala, arredata e già pronta; lì preparate la cena per noi».

I discepoli andarono e, entrati in città, trovarono come aveva detto loro e prepararono la Pasqua.

Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti. In verità io vi dico che non berrò mai più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo, nel regno di Dio».

Dopo aver cantato l’inno, uscirono verso il monte degli Ulivi.

Condividi Post ...

Insuperabile in fantasia

 El Greco, Pentecoste, 1600 ca., Madrid, Museo del Prado

Audio Omelia 20.05.2018

Domenica di Pentecoste

Letture At 2,1-11; Sal 103; Gal 5,16-25; Gv 15,26-27;16,12-15

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio.

Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Condividi Post ...

Sigismondi Gualtiero – Convegno delle Presidenze diocesane AC – La religiosità popolare

 

AUDIO – Ad un anno dall’inizio dei festeggiamenti per il 150° anniversario della fondazione dell’Azione Cattolica i delegati delle Presidenze diocesane di tutta Italia si sono incontrati a Roma, presso la Domus Pacis, per partecipare al Convegno delle Presidenze diocesane. Il tema della tre giorni romana è stato “Un popolo per tutti” e, nel pomeriggio di sabato, si è tradotto in un cammino comunitario verso tre luoghi di Roma sedi di altrettanti mini-convegni tutti legati agli aspetti della popolarità.

Di seguito è possibile ascoltare l’audio dell’intervento del Vescovo Gualtiero Sigismondi, assistente ecclesiastico generale dell’AC, presso il Santuario della Madonna del Divino Amore.

Audio della relazione del Vescovo Gualtiero Sigismondi

 

Condividi Post ...

Luigi Alici al Convegno delle Presidenze diocesane AC

Il prof. Luigi Alici, professore di filosofia morale presso l’università degli Studi di Macerata, è intervenuto al Convegno delle Presidenze diocesane nella mattinata di sabato 28 aprile proseguendo la riflessione sul tema “Tanti popoli… un popolo: la categoria del popolo nella teologia di papa Francesco” già avviata da don Cesare Pagazzi (di cui ho pubblicato l’audio nel post precedente).

Di seguito è possibile ascoltare il suo intervento.

Audio della relazione di Luigi Alici

Condividi Post ...

Il ‘come’ dell’amore evangelico

Audio Omelia 06.05.2018

VI Domenica di Pasqua

Letture At 10,25-27.34-35.44-48; Sal 97; 1Gv 4,7-10; Gv 15,9-17

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.

Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.

Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Condividi Post ...